Attenzione: misure di prevenzione per il COVID-19

Scarica l'allegato qui.

Manuale RAO per l'accesso alle prestazioni specialistiche ambulatoriali


La Commissione Salute della Conferenza delle Regioni e Province Autonome di Trento e Bolzano ha condiviso - esprimendo il proprio parere favorevole nella seduta del 16 dicembre 2020 - l’aggiornamento del Manuale RAO (Raggruppamenti di attesa omogenea) redatto dall’Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali (AGENAS).
Il lavoro, nell’ambito di due progetti di ricerca autofinanziata dall’Agenzia, ha riguardato in particolare l’aggiornamento dei criteri clinici per l’accesso appropriato e prioritario alle prestazioni specialistiche ambulatoriali. La rivisitazione del Manuale è il frutto di un’attività che ha visto il coinvolgimento di rappresentanti di 85 società medico scientifiche oltre che i rappresentanti di tutte le Regioni e Province Autonome nonché di rappresentanti del cittadini/pazienti qual è Cittadinanzattiva.
"Sono molto soddisfatto di questo lavoro - aggiunge il Direttore Generale di AGENAS Dottor Domenico Mantoan - perché si tratta di un tassello fondamentale per il corretto Governo delle liste di Attesa così come previsto nel Piano (PNGLA) 2019-2021. Il percorso individuato dall’Agenzia per la stesura del Manuale RAO ha visto protagonisti i principali attori (medici di famiglia, medici specialisti, rappresentanti dei cittadini) che prendono parte al processo di prescrizione ed erogazione delle prestazioni specialistiche per la condivisione di quelle che possiamo definire “parole chiave”, ovvero le indicazioni cliniche, al fine di individuare i tempi di attesa ritenuti adeguati.
Ringrazio - conclude il DG Mantoan - tutti coloro che hanno lavorato alla definizione del Manuale RAO. La sua approvazione è un messaggio importante in questa particolare fase dell’emergenza epidemiologica che non deve distogliere l’attenzione da quelle che sono le giuste necessità dei cittadini/pazienti che si approcciano al nostro Sistema sanitario nazionale.

 

Consulta il manuale RAO qui.


Cari Amici e Cari Soci, esser stato eletto Presidente dell’Accademia Italiana di Rinologia ha rappresentato per me una grande sorpresa, in quanto non mi aspettavo questa nomina.
Sono molto contento d’altronde di essere stato scelto come il nuovo Presidente, per la fiducia che è stata riposta in me.
In questi giorni ho pensato molto su cosa fare e non fare per l’Accademia, è ho pensato di dare un titolo alla mia presidenza:

Innovare per crescere insieme.

Vorrei portare delle cose nuove nell’Accademia, per stimolare i soci alla partecipazione alle nostre attività. Come prima cosa ho pensato di realizzare una serie di incontri monotematici prevalentemente pratici per i soci, per migliorare la conoscenza su tanti argomenti che fanno parte della nostra attività ma spesso trascurati o poco conosciuti. Ho dato un nome How to Do ed un simbolo H2D che contrassegnerà tutti questi corsi.
Sto lavorando poi con l’amico Enrico Heffler presidente dell’Accademia Italiana di Citologia Nasale per aumentare le sinergie tra le due Accademie e con lui stiamo già pensando al prossimo congresso del 2020 che si farò a Varese dal 17 al 18 settembre. Titolo del Congresso THE NOSE.
Il lavoro con il Ministero della Salute, Agenas, porterà poi via molto del mio tempo ma questo permetterà all’Accademia di avere una visibilità maggiore a livello Ministeriale, così come un importante attività sarà la stesura delle linee guida su argomenti di nostro interesse.
Insomma di attività sul tavolo ce ne sono tante, e ne usciranno tante, spero nel corso di questo mia mandato, e per questo sarete prontamente informati con le newsletter periodiche che vi invierò

Un grazie a tutti,

- Il presidente IAR, Dr. Alberto Macchi